Osteopatia

osteopatia fondatoreA cura di

Diego Lanaro e Sara Russino
Milano - Varedo, via Dante 38 - T. 348.2622053
Genova - via Colombo 11/17 - T. 340.7908207
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.studiodiegolanaro.com

Il corpo contiene al suo interno la capacità di guarire.
Se questa capacità viene riconosciuta e normalizzata,
si può sia prevenire che curare la malattia.

A.T.Still

L’osteopatia è un metodo terapeutico che, grazie a specifiche tecniche di manipolazione, favorisce i meccanismi naturali del corpo nella sua globalità, facilitandone le funzioni normali e riparatrici. Le manipolazioni che l’osteopata esegue avvengono a diversi livelli di profondità e riguardano non solo i muscoli e le articolazioni, ma anche il sistema viscerale, circolatorio, nervoso e cranio-sacrale. L’osteopatia si basa sulla sostanziale fiducia nelle capacità di autoregolazione del corpo che, una volta liberato dalle limitazioni di mobilità intervenute, può ritrovare il proprio equilibrio funzionale.

E’ appurata l’efficacia dei trattamenti osteopatici nelle problematiche dolorose più frequenti a carico dell’apparato muscolo scheletrico: lombalgie, sciatalgie, cervicalgie, dolori vertebrali e articolari in genere, causati da traumi (distorsioni, cadute, ecc.) o da vizi posturali (posizioni errate sul luogo di lavoro, ecc.). Sono invece solitamente poco note le possibilità applicative nei problemi vascolari, digestivi, intestinali, respiratori, uro-genitali e viscerali in generale. Ancora meno noto è il trattamento cranio-sacrale, attraverso cui è possibile equilibrare le funzioni del sistema nervoso autonomo, intervenendo efficacemente in patologie di ambito neurologico come cefalee, emicranie, acufeni, vertigini, ma anche stati ansiosi e depressivi, stanchezza cronica e turbe del sonno, o situazioni che non trovano soluzioni definitive da lungo tempo, spesso legate all’abbassamento delle difese immunitarie (influenze ricorrenti, herpes, stress cronico, disbiosi, etc.). Di pertinenza osteopatica sono inoltre sintomi O.R.L. quali sinusiti, otiti, riniti, faringiti ricorrenti, disfonie.

Dopo un accurato colloquio sulla storia clinica del paziente e la visione di eventuali esami strumentali, l’osteopata valuta la qualità dei movimenti articolari e dei tessuti, mediante test specifici. Sulla base di quanto emerso, il trattamento prosegue con tecniche opportune e non invasive. La manipolazione e l’ascolto attraverso le mani sono i mezzi terapeutici più importanti dell’osteopata.

La seduta di trattamento, oltre che scopo curativo, quando l’equilibrio è ormai compromesso, ha finalità di prevenzione. La manualità osteopatica permette, infatti, di individuare eventuali restrizioni di mobilità e tissutali che potrebbero generare in futuro mal funzionamenti. Tutto ciò consente l’incremento dello stato di salute e benessere.

Il sito utilizza cookies solo per funzioni tecniche e per statistiche anonime (Google Analytics: > approfondimenti. Non attiviamo funzionalità che interferiscano con quello che decidete di vedere.
Se preferite comunque non memorizzare cookies, potete usare la "navigazione anonima" del vostro browser.