Aiutaci con il tuo

5x1000
... a informarti su salute e benessere!

C.F. 97559220153

leggi di più


 

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo
(Ippocrate)

nutrizioneMangiare è un atto che compiamo più volte ogni giorno per tutta la nostra vita e spesso lo facciamo senza renderci conto, seguendo abitudini e tradizioni tramandate: non è detto però che le tradizioni siano sempre corrette.

La regola che per mangiare bene sia sufficiente ascoltare le esigenze del nostro corpo e i propri bisogni però non è sempre del tutto corretta. In passato gli uomini avevano tale capacità, ma oggi troppo spesso perdiamo di vista il sano rapporto con il nostro corpo: può quindi accadere che il nostro organismo sembri ricercare di più proprio quei cibi che ci fanno male, cibi che vengono digeriti difficilmente e metabolizzati con grosse difficoltà, anche quando tutto questo non viene immediatamente percepito.

Un singolo pasto scorretto è poca cosa e, se anche ci dovesse far male nell’immediato, poi ‘guariamo’ rapidamente, ma tonnellate di cibo cattivo possono causare notevoli difficoltà e problemi a livello coproreo e metabolico.

Va puntualizzato che non esiste un modello universale di dieta corretta per tutti: il piano alimentare è qualcosa che va creato ad hoc per ogni singolo paziente, indagando in modo approfondito lo stato di salute della persona. È fondamentale perciò affidarsi ad un bravo professionista evitando di ricorrere al “fai da te”, in base a quello che si legge sui giornali o si ascolta in televisione.

I bisogni cambiano in base all’età, alle patologie presenti, allo stato emotivo, al momento stesso della giornata, alla fase del ciclo per le donne e così via. Si può dunque concludere che “non tutto è per tutti”.

Questa sezione informativa non ha lo scopo dunque di fornire strumenti di autoterapia, ma di promuovere nel lettore l’interesse ad approfondire la dimensione tanto discussa e tanto a volte ignorata dell’alimentazione.

Il sito utilizza cookies solo per funzioni tecniche e per statistiche anonime (Google Analytics: > approfondimenti. Non attiviamo funzionalità che interferiscano con quello che decidete di vedere.
Se preferite comunque non memorizzare cookies, potete usare la "navigazione anonima" del vostro browser.